Crioconservazione

 

Crioconservazione

 

La Crioconservazione è una tecnica estremamente preziosa per lo svolgimento di numerosi trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita, che ha come scopo principale quello di preservare la fertilità dei pazienti, in particolare delle donne.

Basata su una metodica di laboratorio affidabile e innovativa detta Vitrificazione, la Crioconservazione può interessare sia i gameti maschili e femminili che gli embrioni (a seconda dei casi previsti dalla legge), consentendo di mantenere perfettamente inalterate nel tempo le loro caratteristiche biologiche.
L’uso di sostanze crioprotettrici e l’immersione dei corpi interessati in azoto liquido, a una temperatura di -196°, garantisce l’efficacia del trattamento di Vitrificazione.

Quanto è importante la Crioconservazione nel campo della Procreazione Medicalmente Assistita?
Moltissimo: questa tecnica può garantire una sostanziale differenza nei risultati, incrementando del 25% le probabilità di ottenere una gravidanza per tutte le classi di età.

La Crioconservazione è una tecnica estremamente preziosa per lo svolgimento di numerosi trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita, che ha come scopo principale quello di preservare la fertilità dei pazienti, in particolare delle donne.

Basata su una metodica di laboratorio affidabile e innovativa detta Vitrificazione, la Crioconservazione può interessare sia i gameti maschili e femminili che gli embrioni (a seconda dei casi previsti dalla legge), consentendo di mantenere perfettamente inalterate nel tempo le loro caratteristiche biologiche.
L’uso di sostanze crioprotettrici e l’immersione dei corpi interessati in azoto liquido, a una temperatura di -196°, garantisce l’efficacia del trattamento di Vitrificazione.

Quanto è importante la Crioconservazione nel campo della Procreazione Medicalmente Assistita?
Moltissimo: questa tecnica può garantire una sostanziale differenza nei risultati, incrementando del 25% le probabilità di ottenere una gravidanza per tutte le classi di età.

Crioconservazione degli spermatozoi

 

La Crioconservazione degli Spermatozoi si rivela utile in diverse situazioni che mirano a preservare, oltre alla fertilità del paziente, anche la sua serenità nel corso dei trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita.

La tecnica consente di garantire la conservazione dei gameti maschili ai pazienti che devono intraprendere cure mediche (quali la radioterapia e la chemioterapia) che potrebbero compromettere irreversibilmente la loro fertilità; ma anche a coloro che potrebbero subire un peggioramento della capacità riproduttiva nel corso del tempo, a causa di un’alterazione dei parametri del liquido seminale.

È altrettanto importante per la salute del paziente, inoltre, la possibilità di crioconservare i gameti recuperati chirurgicamente tramite le procedure di Biopsia Testicolare, per evitare che debba sottoporsi a intervento all’inizio di ogni ciclo di PMA affrontato dalla coppia.

Crioconservazione degli ovociti

 

La Crioconservazione degli ovociti è una straordinaria opportunità per le donne che desiderano preservare la propria fertilità, non necessariamente per motivi di salute.
Data la sua elevata efficacia, la Crioconservazione ha una grande risonanza sullo scenario internazionale: le probabilità di ottenere una gravidanza dopo lo scongelamento degli ovociti si aggirano intorno al 40% entro i 38 anni, sino al 10% nelle donne più adulte. Il risultato può dipendere tuttavia dall’età e dalla riserva ovarica della paziente.
La Crionservazione Ovocitaria è consigliata dagli esperti quando la paziente si ritrova ad affrontare cure oncologiche – ancor più se a carico degli organi riproduttivi – oppure malattie ginecologiche di forma severa come l’endometriosi; anche la menopausa precoce è un fattore genetico da non sottovalutare.

Crioconservazione degli spermatozoi

 

La Crioconservazione degli Spermatozoi si rivela utile in diverse situazioni che mirano a preservare, oltre alla fertilità del paziente, anche la sua serenità nel corso dei trattamenti di Procreazione Medicalmente Assistita.

La tecnica consente di garantire la conservazione dei gameti maschili ai pazienti che devono intraprendere cure mediche (quali la radioterapia e la chemioterapia) che potrebbero compromettere irreversibilmente la loro fertilità; ma anche a coloro che potrebbero subire un peggioramento della capacità riproduttiva nel corso del tempo, a causa di un’alterazione dei parametri del liquido seminale.

È altrettanto importante per la salute del paziente, inoltre, la possibilità di crioconservare i gameti recuperati chirurgicamente tramite le procedure di Biopsia Testicolare, per evitare che debba sottoporsi a intervento all’inizio di ogni ciclo di PMA affrontato dalla coppia.

Crioconservazione degli ovociti

 

La Crioconservazione degli ovociti è una straordinaria opportunità per le donne che desiderano preservare la propria fertilità, non necessariamente per motivi di salute.
Data la sua elevata efficacia, la Crioconservazione ha una grande risonanza sullo scenario internazionale: le probabilità di ottenere una gravidanza dopo lo scongelamento degli ovociti si aggirano intorno al 40% entro i 38 anni, sino al 10% nelle donne più adulte. Il risultato può dipendere tuttavia dall’età e dalla riserva ovarica della paziente.
La Crionservazione Ovocitaria è consigliata dagli esperti quando la paziente si ritrova ad affrontare cure oncologiche – ancor più se a carico degli organi riproduttivi – oppure malattie ginecologiche di forma severa come l’endometriosi; anche la menopausa precoce è un fattore genetico da non sottovalutare.

Prenota un consulto

Trattamento dati